A CANZONE E LL’INFERMIERE

E chesta è ‘a canzone

ca tutt’e juorne

ajmma sentì:

‘nf ermie ! … chiammate ‘o miereco

comme me sento male,

‘nfermie!… alzatemi nu ppoco

nun nce ‘a faccio proprio cchiù.

Chi allucca ‘a ccà,

chi s’allammenta ‘a llà

‘int’a nu manicomio, te pare ‘e stà.

Chi vo’ ‘o pappagallo

                                                                                    

       

chi abballa ll’alligalli,

 chi vo’ ‘a bombola ‘e ll’ossigeno

e tu ce Ile piglià,

chi care d’o lietto,

chi se dà ‘e pugne ‘mpietto

p “a disperazione o pe’ dispietto.

E tutto nu casino! …

dice ‘o collega

Pièto Mucherino:

nu caro amico d’infanzia

ca era sicco sicco

e senza panza.

Cierti vvote

capita ca stongo stuorto,

allora… m’appilo ‘e rrecchie

pe’ nun ‘e sta a sentì.

Po’ quanno ven”o Miereco

fa spuglià ‘o malato,

ll’ammesura ‘a pressione,

Ile fa ddicere trentatrè,

‘na serengha ce fa fà’

acàla ‘a cape e se ne và.

A’ fine de’ cunte

simme sempe nuie

ca limma suppurtà.

E ‘a canzone

è sempe ‘a stessa

ca tutt’e juorne

ajmma sentì.

Ah… che ddulore!…

mamma mia bella,

‘nfermie ! … chiammate ‘o Miereco

facitelo pe’ ll’anema

de’ muorte vuoste.

Cu’ ll’appoggio po’

j che confusione! …

meglio ca nunne parlammo,

cierti vvote ‘a chirurgia

addeventa medicina.

Chi se senta smaniuso,

chi nun ngià f à a sciatà

cu’ tutt’e guaie nuoste…

pur’a lloro ajmma suppurtà.

Chi chiagne e se dispera

pe’ nu male ca nun nze leva,

Chi a tavola mangia e bbeve

e p “a capo s “o f à passà

Mo nu lamiento,

nu colpo ‘e tosse,

all’impruvviso nu trumbone:

‘na sinfunia te pare ‘e sentì!

Ncopp”o spitale

specie ‘e Rummeneca,

ce sta sempe nu casino ‘e ggente,

pecche vann’à truvà ‘o parente,

sulo quanno chisto sta malamente.

Nun parlammo po’ d”a notte

quanno ‘o campaniello sona forte,

si nun te truovi attiempo

vicino a’ porta

succera ‘o quarantotto.

E cu’ tutte chesti ppene

ca nuie ajmma passa,

ca manche ‘o straordinario

cchiùce fanno fa.

Pe’ quaccuno forse…

va bbuono accussì,

ma no pe’ nnuie!

Pecche… comete se rice,

« ‘o sazio nun crere ‘o riuno ».

Cumpagne meie!

Verimmo ca ajmma fà,

pecchè cu’ ‘sta marcimonia

accussi, nun nze po’ campa!

Quanno e ‘a staggione

po’ ven’o bello,

cierti fetiente…

j che se firano ‘e fà!

Pe’ se leva e viecchie

a’ nanz”e piere,

‘int’o spitale

‘e venano a parcheggia.

Dice ‘a caposala Antonietta

‘na santa femmena,

cu’ tutt’o rispetto,

sta bbene chestu ccà!

Pe’ se gutè ‘e fferie

‘stu scrupolo arma purtà?

Ma Liliana lle risponne:

Antoniè nun nce penzà…

a tutte chesti ccose tu te abbituà!

E chesta e ‘a canzone

‘e tutte nuie poveri ‘nf ermiere

ca juorn’e notte

ajmma sentì,

ca juornpe notte

ajmma subì.

‘Na vecchia fà ‘a pipì,

‘na criatura fà ‘a puppù

v “o ggiuro ncopp’a Wanda

e Mmannitù

ca tutta chella puzza

j , nun ‘a supporte cchiù

int’o spitale

‘a primma cosa

ca tutt”o personale

adda osservà,

è ‘o rispetto e ‘a bontà! ‘

A siconda cosa po!…

s’adda j vestuto

cu’ ‘na faccia allera,

pecchè cu’ ll’espressione

‘e clausura,

‘o malato, nun nze sente sicuro.

Ce stanno e scieme,

mute e menomati,

ca fanno e stuccature

e pigliano pur”a mmesata

e nnuie ca jttamm’o sangho

p “a salut’e llate,

si nun nce stamme accorte…

avimme pur’e ccazziate.

Je voglio f à accapì

a tanta bella gente

ca ncopp “o spitale

se fatica mentalmente!

Ma se ne và ‘a salute!

E viene pavato malamente!

‘O Guverno quanno adda f à sorde

subbeto caccia ‘a legge!

E tutto si risolve.

Ma si ce sta

nu cuntratto ‘a rinnuvà?

Ai voglia ‘e sbraidà…

Quanno uno addeventa Ministro

se senta già nu penzionato,

accavalla ‘e ccoscie

una ncopp’a nata,

e chi ‘a avuto avuto

e chi ‘a rato ‘a rato!

Chi se goda ‘na musichetta,

chi se fuma ‘na sigaretta,

chi v”o arapì

e chi v”o chiudere ‘a fenesta,

‘nzomma ce sta gente bbona

e gente disonesta.

‘A mensa…

rimane sempe nu mistero!…

chi vo’ ‘o cestino,

e chi vo’ ‘o vitto intero.

O ‘e ‘na manera

o ‘e n’ata,

sempe e turnisti…

ll’aglio arreta

anna piglià.

Po’ ce stanno ll’anziani

ca se cumbinano

comme a ll’indiani,

‘a scialla attuorn’o cuollo,

‘a coppola ‘e lana,

pigiamone, accappatoio

e ccacciapieri,

‘nzomma, ‘int’à spizio

te par”e trasi.

Si ‘o cappiello ‘ncapo

nuie ‘nfermiere a j mma purtà,

j e penzo… ca primm”o Direttore,

po’ ‘o Primario,

‘o Miereco

e ‘a caposala,

l’esempio c’anna dà.

Si ll’estetica o ll’iggiene

vulimme rispettà!

Lassamme stà pe’ nu mumento

tutte chesti ccose,

e dispunnite a mme.

A pparte ‘a solita terapia:

‘e flebbo,

‘e sserenghe ‘int’è vvene,

e preliev’e sanghe,

‘e sserenghe ncopp’à pacca,.

‘a temperatura,

a pressione,

‘o polso,

‘e compresse,

‘e ssupposte,

‘e gocce,

‘o sciroppo,

e ‘o rieste appriesso.

Chi è che ffa ‘a pompa

‘o malato? O nfermiere.

Chi è che mette ‘o catetere

‘o malato?

O nfermiere.

Chi è che mette ‘a sonda rettale

‘o malato?

O nfermiere.

Chi è che và annanze e arreto

a truvà nu medicenàle

quanno ‘int’a medicheria

nun nce stà?

O nfermiere.

Pecchè quanno manca

‘na collega o nu cullega

primme te fanno fà ‘o straordinario

e po’ t’o fanno recuperà?

Vuie che ddicite…

nun è mmafia chesta ccà!

Perciò arapimme ll’uocchie

e verimme che ajmma fà!

‘A legge p “a pena ‘e morte

ll’anna mise a durmì

‘int’o cassetto,

nun nzia maie ca se sceta! …

‘e primme a pavarn”e ppene

so’ chille ca Ile cantano

a ninna nonna.

Si a quaccuno tutto chesto

nun ile sona bbuono,

v”o veni a ddicere

ca ne sape coccosa.

Perciò e meglio ca se sta zitto!

O se scoprono ‘e ccorne! ! !

Chi è che mette

‘o sondino naso gastrico

‘o malato?

O nfermiere.

Chi è che mette e pulezza

‘a pala ‘o malato?

O nfermiere.

‘O malato a chi ‘nvoca

quanno se sente male?

O nfermiere.

‘Int’o spitale

chi è che perde ‘a capo

a sentì a chisto, a chillo e’ a nato?

O nfermiere.

Si ‘o malato ava ‘a furtuna

‘e asci vivo ‘a rint”o spitale

a chi va a ringrazia?

«O Miereco ! ! ! »

Chi è che ffa ‘a barba

o’ malato primma ‘e s’operà?

O nfermiere.

E chi è che ffa ‘a barba

o nfermiere

ncopp”a busta paga?

Chesto proprio nun nze sape.

Po’ riceno che all’Italia

Mancano ‘e nfermiere?!

Pe’ fforzal…

si o nfermiere

fà ‘a famma!

E pe’ sopraghionta?

Comme tutto chesto n’abbastasse!

Ce sta chi, te cuntrolla ‘a ccà,

chi te cuntrolla ‘a llà.

Ma a tutti ‘sti « Signure »

chi ‘e và a cuntrullà ? ? ?

‘A conclusione…

tutto munno

e nu bitone!

 

BIOGRAFIA: FRANCO GENTILE è nato a Marcianise, dove risiede in via Pasquale Colletta n. 17. Sposato con tre splendidi figli maschi, Arcangelo, Pasquale e Davide, che seguono con ammirazione la produzione artistica del padre. Franco Gentile è infermiere presso l’Ospedale Generale di Zona della U.S.L. 17.

La sua autentica e vivissima vocazione poetico‑musicale, coltivata in anni di esperienza come Autore di testi di can zoni e poesie Napoletane ed Italiane, lo ha spinto a percorrere un cammino artistico costellato da numerose e impor­tanti affermazioni.

Nel 1961 scrive « Sul o cu’ tte » cantata dal conterraneo Alberto Braschi, una canzone che incontrerà il favore del grosso pubblico, tanto da spingere il cantante ad inciderla su 45 giri, il primo disco inciso a Marcianise. Successiva­mente due indimenticabili canzon coroneranno definitiva­mente la sua fama di paroliere: « St’uocchie tuoie e Pen­zanno a tte » (1977) cantata da Alberto Nise. Nel 1978 Franco Gentile scrive la canzone « La storia di una lucerto­lina » che si classificherà al primo posto nel Festival « Iº Fiorellino d’Oro » di Casoria e sarà poi adottata da una emittente radiofonica come sigla di un seguitissimo pro­gramma per bambini. Con questa canzone Franco Gentile, imporrà il suo nome anche come Autore di testi per bambini.  Nel 1982, procedendo in questa incessante serie di vit­torie, trionfa con la canzone « Il cagnolino zoppo » al Festivai Internazionale « Il Castello d’Oro » di Mirandola, in provincia di Modena e viene premiato per il miglior testo in concorso. Sua è anche la canzone « La zanzara birichina » che ri­sulterà vincitrice alla quarta edizione del « Pierino d’Oro », di San Nicola la Strada. Ritorna alla ribalta nell’ambito della canzone Napoletana con altri testi : « Te voglio bbene », dedicata alla moglie Domenica, « Povero papà » e « A’ bella d’o quartiere », brani questi tutti musicati dal cugino dell’autore Tommaso Gentile.  Nel novembre 1989 verrà incisa « Si’ ‘na frana », una briosa canzone Napoletana portata al successo dalla splen dita voce del Marcianisano Roberto Doria; al maestro Gen naro Ricci di Napoli si deve l’elaborazione delle musiche.

Intanto bisogna ricordare che un vecchio successo « St’uocchie tuoie » viene di nuovo inciso, rivistato dalla nota voce di Pino Di Maio. Sempre nello stesso anno, invia alla commissione dello « Zecchino d’oro » la più nota rasse­gna di canzoni per bambini, due canzoni: « Il piccolo mo­nello », dedicata ai figli Pasquale e Davide e « Una dolce canzoncina », dedicata a tutte le mamme del mondo, che poi non partecipando al concorso troveranno sinceri atte­stati di stima.

Gentile, così, continua nel solco della più originale tra­dizione musicale e poetica Nazionale, scrivendo numerosi altri testi per canzoni, fino ad arrivare al suo ultimo lavoro « A canzone e ll’in f ermiere ». « A canzone e ll’infermiere » è una lunga e coloratissima composizione in rime, in cui Gentile con profonda partecipazione ci fa conoscere la difficile e umana missione che ogni giorno l’infermiere compie tra quanti soffrono.

La composizione è dedicata a tutti i colleghi infermieri in particolare a quelli del Casertano e della Campania.

 Cfr. Opuscoletto A’ Canzone e ll’infermiere, di Franco Gentile  Ed.1990.

Aggiungi un commento