ALL’ORIGINE DELLO SVILUPPO INDUSTRIALE DI MARCIANISE di Salvatore Delli Paoli

Il comparto industriale è quello che ha maggiormente inciso sulle trasformazioni economiche e sociali di Marcianise nell’arco degli ultimi cinquanta anni e non solo perché l’industria ha portato nuova occupazione, ma anche perché questo processo economico ha operato a livello di trasformazione di mentalità e di costume, oltre che esercitare un’influenza non secondaria sui ritmi di evoluzione generale della società marcianisana, che attraverso l’insediamento delle fabbriche, è entrata più decisamente nel circuito delle occasioni di sviluppo produttivo di area regionale o addirittura nazionale.

L’industria in pratica ha messo in moto un dinamismo interno alla società marcianisana fino a qual momento sostanzialmente statica, portandola verso processi di trasformazione, che nella sostanza hanno modificato i tradizionali parametri di riferimento fino a quel momento consolidati da una lunghissima plurisecolare tradizione.

Quello che, però, su di un piano sociologico, appare più significativo non è solo l’entità ragguardevole del fenomeno, quanto il fatto che esso si realizzi nel giro di pochi decenni con contraccolpi notevoli e di diversa natura (non tutti positivi) anche sugli altri settori, come pure sul tessuto comunitario cittadino.

L’analisi dei dati relativi agli occupati di Marcianise nell’industria alla data censuaria del 1951 fotografa una situazione di sostanziale marginalità del settore rispetto, ad esempio all’agricoltura: su di un totale di popolazione attiva valutato intorno alle 7.000 persone, gli occupati nell’industria sono appena 758 in valore assoluto, per una percentuale del 10,8% rispetto alla popolazione attiva. Un dato che non deve meravigliare, in quanto agli inizi degli anni ’50 l’industria a Marcianise è pressoché del tutto assente, se si esclude la Canfilfratta (una fabbrica attualmente scomparsa anche nella localizzazione, visto che sull’area ove sorgeva di fronte al Macello comunale è sorto un complesso edilizio), che lavorava i filati di canapa ed alcuni opifici prevalentemente meccanici, poco più che officine.

A distanza di dieci anni, al censimento del 1961, la situazione è ben poco diversa: il quadro del lavoro industriale a Marcianise è ancora fondamentalmente statico, anche se si intravvedono i prodromi di un processo di trasformazione, sebbene ancora timido: gli occupati nell’industria sono 977, 219 in più rispetto ai 758 del 1951, con un incremento in percentuale (ma si opera su numeri bassi) del 28,89%, che può sembrare un incremento sensibile, ma che invece è ben poca cosa se lo si confronta nel rapporto con la popolazione attiva che è pari all’11,4%, appena lo 0,6 in più, anche se va detto che questo incremento lieve va comparato con una aumentata base demografica che nel decennio 1951-1961 ha portato Marcianise da 21.130 abitanti del 1951 ai 24.485 nel 1961.

Un settore a parte che in questi anni fa registrare cospicui aumenti è quello edilizio: in questo ambito si documenta un deciso passo in avanti. I 1.272 addetti che risultavano impiegati in attività edilizia al censimento del 1951 diventano 3.093 al censimento del 1961, con un aumento di 1.821 unità, pari al +143,1%: un incremento deciso che va spiegato naturalmente con l’accrescimento urbanistico della città che già in questi anni inizia quel processo di espansione territoriale dai contorni davvero macroscopici.

Sul versante più specifico dell’industrializzazione, più significativo appare il decennio intercensuario 1961-1971, che è quello al cui interno viene ad inserirsi la creazione del nucleo industriale di Marcianise, anche se gli incrementi maggiori si registrano solo sul finire del decennio considerato: nel 1960 sono infatti appena quattro le unità produttive industriali insediate nel territorio di Marcianise, che diventano undici nel 1970. A questa data, anche in relazione al fatto che le fabbriche insediate sono quelle più grosse, il numero degli occupati è di 2.071 unità con un incremento di 1.094 unità, rispetto al rilevamento del 1961 pari ad un +111,97%: nella sostanza il numero di occupati si raddoppia, mentre l’apparato produttivo industriale marcianisano si radica sempre più nel territorio.

Il periodo, comunque, di maggiore frequenza nell’impianto di aziende produttive è quello che va dal 1970 fino ai primi anni ’80: nel quinquennio 1971/1975 sono ben venti le unità produttive che si insediano nell’ambito della zona Asi, altre quindici unità iniziano la loro attività nel periodo che va dal 1976 al 1980 e altre undici iniziano la loro attività dopo il 1981, sicché nel 1983 si contano a Marcianise cinquantasette aziende.

Appare dunque evidente che il decennio 1971/1980 sia stato quello più fruttuoso, per così dire, nel processo di industrializzazione di Marcianise, il 61,4% delle fabbriche risulta insediato in questo periodo. Dopo questa data il processo subisce una stasi per una crisi dell’apparato produttivo meridionale che tocca anche Marcianise.

Alla data del 1975 questo il quadro delle aziende già insediate o previste a Marcianise:

 

AZIENDA CLASSE SUPERFICIE TOTALE SUPERFICIE SCOPERTA SUPERFICIE COPERTA INIZIO ATTIVITA’  
OLIVETTI Mecc. e metall. 760000 mq. 633317 mq. 126683 mq. 1970 In eserc.
TONOLLI SUD Mecc. e metall. 215821 mq 208614 mq. 7207 mq. 1970 In eserc.
KELLER Chimica 30000 mq. 12000 mq. 18000 mq. 1973 In eserc.
CAMA SUD Mecc. e metall. 45000 mq. 28000 mq. 17000 mq. 1973 In eserc.
IMECA Mecc. e metall. 45000 mq. 38000 mq. 7000 mq. 1973 In eserc.
HERVINGH Aliment. 7500 mq. 5500 mq. 2000 mq. 1973 In eserc.
EXPAND Man. materie plastiche 10000 mq. 7700 mq. 2300 mq. 1974 In eserc.
KODAK Man. foto 60000 mq. 50000 mq. 10000 mq. 1973 In eserc.
BULLONERIA E DADI Mecc. e metall. 7500 mq. 3000 mq. 4500 mq. 1975 In eserc.
SNIBEG Aliment. 60000 mq. 40000 mq. 20000 mq. 1973 In eserc.
FRAMAN DRIVE Elettrom. 16000 mq. 10500 mq. 5500 mq. 1975 In eserc.
COLMEGNA Mecc. e metall. 10000 mq. 6000 mq. 4000 mq. 1975 In eserc.
HERBERTS Chim. 10000 mq. 7000 mq. 3000 mq. 1975 In eserc.
SAEF SUD Alim. 46000 mq. 34000 mq. 12000 mq. 1970 In eserc.
GALLINO SUD Mecc. e metall. 81000 mq. 69000 mq. 12000 mq. 1973 In eserc.
SADI Mecc. e metall. 15000 mq. 10000 mq. 5000 mq. 1970 In eserc.
MAIA CATERPILLAR Mecc. e metall. 38000 mq. 30000 mq. 8000 mq. 1970 In eserc.
CEI SUD Elettrom. 14362 mq. 12563 mq. 1799 mq. 1970 In eserc.
IPA Manifatt. 2900 mq. 1400 mq. 1500 mq. 1966 In eserc.
BRENTA Min. non metall. 30000 mq. 26990 mq. 3010 mq. 1973 In eserc.
COMBOIL Chim. 4000 mq. 3500 mq. 500 mq. 1973 In eserc.
CEMENTI PREFABBRIC. Min. non metall. 40000 mq. 35000 mq. 5000 mq. 1972 In eserc.
BETONPRESS Min. non metall. 35000 mq. 10000 mq. 25000 mq. 1973 In eserc.
CACACE GIOVANNI Manifatt. 20000 mq. 14000 mq. 6000 mq. 1973 In eserc.
QUARANTA PASQUALE Min. non metall. 25000 mq. 17000 m1. 8000 mq. 1973 In eserc.
CAIAZZO PASQUALE Chim. 10000 mq. 6000 mq. 4000 mq. 1974 In eserc.
TIFRA SUD Mecc. 10000 mq. 7000 mq. 3000 mq. 1973 In eserc.
WORTHINGTHON Mecc. e metall. 34000 mq. 13000 mq. 21000 mq. 1976 In costr.
SIGE Elettromecc. 20000 mq. 8000 mq. 12000 mq. 1975 In costr.
SITICEM SUD Mecc. e metall. 10000 mq. 6000 mq. 4000 mq. 1975 In costr.
CARRANO SPA Elettromecc. 10000 mq. 4000 mq. 6000 mq. 1976 In costr.
BESANA SUD Alim. 83000 mq. 48000 mq. 35000 mq. 1975 In costr.
LAME SUD Mecc. 3000 mq. 2000 mq. 1000 mq. 1975 In costr.
SIEM SUD Elettromecc. 40000 mq. 28400 mq. 11600 mq. 1976 In costru
PONTINOX Mecc. 10000 mq. 7000 mq. 3000 mq. 1976 In costr.
QUARANTA PASQUALE Mecc. e metall. 5000 mq. 3000 mq. 2000 mq. 1975 In costr.
FORNERIA DEL SOLE Alim. 46000 mq. 34377 mq. 11623 mq. 1975 In costr.
DOVEN Chim. 11000 mq. 6345 mq. 4655 mq. 1976 In costr.
EXPAND ITALIA Man. plast. 5000 mq. 3500 mq. 1500 mq. 1976 In progr.
SNAI Chim. 20000 mq. 12600 mq. 7400 mq. 1976 In progr.
MONSURRO’ Alim. 11000 mq. 5000 mq. 6000 mq. 1976 In progr.
ZEISS Manif. 9000 mq. 6500 mq. 2500 mq. 1976 In progr.
MATARAZZO Alim. 20000 mq. 14000 mq. 6000 mq. 1976 In progr.
CIMA Mecc. e metall. 10000 mq 7000 mq. 3000 mq. 1976 In progr.
MAC MASTER Chim. 2000 mq. 10000 mq. 10000 mq. 1976 In progr.
UNITRAT Mecc. e metall. 7000 mq. 4000 mq. 3000 mq. 1976 In progr.
PRECON Min. non metall. 16000 mq. 10000 mq. 6000 mq. 1976 In progr.
SCOMA Man. 9000 mq. 7200 mq. 1800 mq. 1976 In progr.
NIVENCART Chim. 10000 mq. 5345 mq. 4655 mq. 1976 In progr.
SAELGOMMA Chim. 4000 mq. 3300 mq. 700 mq. 1976 In progr.
FRATELLI VECCIA Legno 20000 mq. 13500 mq. 6500 mq. 1976 In progr.
TIPOGRAFIA FARINA Cart. e graf,. 2000 mq. 1600 mq. 400 mq. 1976 In progr.
GRAFICHE ANSA Cart. e graf. 6000 mq. 4000 mq. 2000 mq. 1976 In progr.
IGNIS SUD Depos.

Nel quadro precedente non sono comprese la G.T.E., la Saffa e la Canfilfratta, in quanto insediate fuori del Consorzio A.S.I.

Salvatore Delli Paoli

Condividi articolo
Facebook Twitter Email
cheap Jerseys wholesale nfl jerseys Wholesale Jerseys From China wholesale nfl jerseys wholesale jerseys cheap oakleys wholesale cheap nfl jerseys cheap jerseys Cheap Jerseys China fake oakleys fake ray ban sunglasses cheap gucci replica cheap oakleys discount ray ban sunglasses fake oakleys replica oakleys fake cheap ray bans wholesale cheap jerseys cheap gucci replica wholesale jerseys shop cheap fake watch sale replica oakleys replica gucci red bottom shoes cheap jerseys cheap oakleys fake oakleys cheap replica oakleys cheap replica oakleys fake oakleys replica oakleys cheap oakleys wholesale cheap oakleys outlet
Social links powered by Ecreative Internet Marketing